Fahrzeit  2 Stunden 59 Minuten

Zeit  5 Stunden 24 Minuten

Koordinaten 1901

Hochgeladen 26. August 2020

Aufgezeichnet August 2020

-
-
1.827 m
1.358 m
0
2,9
5,8
11,54 km

angezeigt 38 Mal, heruntergeladen 0 Mal

bei Colle di Casotto, Piemonte (Italia)

Una bella gita a una montagna bellissima.
La destinazione ambita era il monte Antoroto, cima rocciosa estetica e impegnativa. Ma avendo solo il pomeriggio ho dovuto accontentarmi di guardarlo dal colle.
La gita è facile ad esclusione del tratto dell’andata che va dal rifugio Savona alla Colla Bassa che ha un passaggio difficile ed esposto (passo della capretta) ed è in generale disagevole.
La gita presenta diversi sali-scendi, per cui non sottovalutate il dislivello!

AVVICINAMENTO
Dirigersi verso la Colla di Casotto. Poco prima del colle si trova un grande parcheggio sulla destra dove è possibile lasciare la macchina.
L’accesso alternativo all’Antoroto è dalla Valdinferno. La distanza è sicuramente più breve. Si parte da una quota inferiore ma, considerando i saliscendi, non è detto che alla fine si faccia più fatica da lì.

ITINERARIO
Entrare nel cortile dell’hotel (chiuso) e prendere una sterrata che parte al fondo. Percorrerla tutta, trascurando una deviazione non segnalata sulla sinistra, una deviazione sulla destra (che porta al Bric Praietto e alla Colla di Casotto che useremo al ritorno), un sentiero sulla sinistra che scende direttamente a Valdinferno. Si arriva a un colle erboso da dove due strade (una ripidissima e una più dolce) scendono al rifugio Savona. Sapendo di dover poi risalire io ho invece tagliato i pendii erbosi seguendo una delle tracce scavate dalle mucche.
Si prosegue su un sentiero (A10a) non molto marcato (e ben indicato da frequenti segnavia) ma per ora facile. Si traversa per assolati pendii pascolivi, solo sfiorando la sottostante faggeta; il sentiero, che talvolta si mischia con le tracce degli animali al pascolo, attraversa una zona acquitrinosa, poi supera il piccolo Rio dei Fusi, quindi sale più deciso su pendii coperti di mirtilli e rododendri. Ci si porta infine sulla rocciosa crestina che si dirama dal Monte Grosso, raggiungendo il passo della capretta (1744). Subito dopo il sentiero scende uno scosceso pendio e inizia il tratto difficile. Giunti al fondo del vallone, si rimontano con pendenza sostenuta le pendici del Monte Grosso, con un lungo traverso tra erba e sfasciumi. Giunti ad un piccolo ripiano la pendenza diminuisce e, presso un enorme masso dalla forma rotondeggiante, ci si immette sul sentiero diretto proveniente dalle Case Mulattieri (segnavia A10).
Si va a destra e in pochi minuti si perviene alla Colla Bassa (1851 m), che mette in comunicazione due valloni laterali della Valle Tanaro e della Valle Casotto. Esso collega anche il Monte Grosso e il Monte Antoroto.
Per il ritorno, arrivati al masso rotondo, si prosegue in discesa. Il sentiero serpeggia in leggera discesa nella zona nota come Zotta della Tromba, tenendosi sul fondo della valletta tra rododendri, erba e roccette. Il fondo pietroso è un poco malagevole ma più facile della salita. Dopo una discesa più ripida, si entra un un boschetto di faggio e, quando se ne esce, si incontra sulla destra l’itinerario che sale al Colle Suria (non un sentiero ma un percorso segnato). Lì parte la via attrezzata con difficoltà EEA che percorre le crestine dell’Antoroto. Si continua a sinistra, in direzione di Valdinferno.
Il sentiero scende ad attraversare un pianoro prativo e si biforca ancora: si ignora il ramo di destra per il Passo Scaletta e Valdinferno (segnavia A27A) e ci si tiene a sinistra per il Rifugio Savona (segnavia A10).
Si entra nella faggeta, superando un piccolo rio e iniziando una leggera risalita. Dopo un mezzacosta pianeggiante si attraversa anche il Rio dei Fusi e si perviene ad un ulteriore bivio dove si va ancora a sinistra per il Rifugio Savona (segnavia A10) dove ci si immette sul percorso dell’andata.
Per vivacizzare un po’ il lungo ritorno su stradina, ho preso la deviazione per il Bric Praietto, da dove si raggiunge la Colla di Casotto lungo una facile pista da sci. Dalla Colla al parcheggio sono pochi minuti su asfalto, ma volendo c’è anche una pista sterrata sulla destra.

Fatta da sola il 26/08/2020
Quasi 13km di sviluppo e 850 km di dislivello.
Parkplatz

1 si parte passando di fianco al cancello

Straßenkreuzung

2 trascurare la strada che parte sulla sinistra

Proseguire a destra
Foto

3 il bosco di faggi rinfresca il primo tratto

Straßenkreuzung

4 bivio per il Bric Praietto

Attraverso questa strada al ritorno scenderemo sulla Colla di Casotto. Proseguire diritto (a sinistra)
Straßenkreuzung

5 sentiero per Valdinferno

Foto

6 la cresta che divide la valle di Garessio dalla Valdinferno

La lunga cresta, che termina col Monte Grappiolo, include anche le Rocche Bassiette, raggiunte dalla gita del 35/08/2020
Foto

7 al colle la vista si apre

Proseguire verso il rifugio Savona
Unterkunft

8 il rifugio Savona

Per evitare di scendere e risalire ho tagliato per una traccia fatta dal bestiame
Foto

9 il passo della Capretta

Splendida vista sul l’itinerario precedente, sulla Valdinferno e sul Monte Antoroto
Risiko

10 tratto difficile

Dopo il passo della capretta il sentiero scende molto ripido lungo un canalone erboso
Foto

11 le pendici rocciose del monte Grosso

Abitate dalle rondini
Foto

12 la Colla Bassa

Destinazione della gita
Straßenkreuzung

13 intersezione col sentiero della Valdinferno

Nei pressi di un grande masso. Il passaggio fra vegetazione e sassoni sarebbe poco visibile se non fosse per gli abbondanti segnavia
Foto

14 colla Bassa

Bel panorama verso le Alpi cuneesi. Due sentieri salgono verso l’Antoroto, uno verso il Monte Grosso.
Foto

15 Panorama

Dal mare salgono nuvole basse che hanno ghermito già il Colle San Bernardo. Meglio affrettarsi a rientrare!
Foto

16 le impressionanti pareti rocciose a est dell’antoroto

Alla base una piccola torbiera
Foto

17 la cresta al di sotto del passo della capretta

Straßenkreuzung

18 Percorso verso il Colle Suria

Il percorso non è neppure un sentiero. Ed è molto difficile. Ma è ben segnalato. Porta alle altrettanti difficili ma spettacolari crestine dell’Antoroto. Nella foto in mezzo si vede anche il ripido canalone prativo che si deve percorrere per scendere dal passo della Capretta
Straßenkreuzung

19 sentiero per la Valdinferno

Straßenkreuzung

20 altro bivio per Valdinferno

Unterkunft

21 il rifugio Savona (chiuso)

Foto

22 assembramento di mucche sul sentiero

Foto

23 Bric Praietto

Foto

24 la colla di Casotto

Si raggiunge percorrendo una delle piste da sci del comprensorio Garessio 2000

Kommentare

    Du kannst oder diesen Trail