Zeit  eine Stunde 18 Minuten

Koordinaten 118

Hochgeladen 13. Oktober 2018

Aufgezeichnet Oktober 2018

-
-
1.561 m
1.027 m
0
1,9
3,8
7,55 km

angezeigt 407 Mal, heruntergeladen 10 Mal

bei Arni, Toscana (Italia)

BELLISSIMO ITINERARIO CHE PREVEDE LA SALITA SUL MONTE ALTISSIMO SULLE ALPI APUANE DA UNA VIA RISERVATA SOLO AGLI ESCURSIONISTI ESPERTI CHE E' PIU' ALPINISTICA CHE ESCURSIONISTICA E CIOE' IL SENTIERO DELLA TACCA BIANCA.
SI PARTE DALLO SPIAZZO DI FRONTE AL RISTORANTE "LE GOBBIE" DI ARNI E SI PRENDE IL SENTIERO CAI 33 CHE ENTRA NEL BOSCO E LO PERCORRE IN LEGGERA SALITA.
UNA VOLTA GIUNTI ALLA STRADA DI CAVA LA SI ATTRAVERSA E SI PRENDE IL CAI 41 CHE IN BUONA PARTE PASSA SU UNA VECCHIA VIA DI LIZZA E IN LEGGERA SALITA PORTA ALLA FOCE DEL FRATE DOVE IL PANORAMA OFFRE VISTE SPETTACOLARI A EST SUI MONTI APUANI COME IL SUMBRA, IL FIOCCA, IL MACINA, IL SELLA, IL TAMBURA E IL GRONDILICE MENTRE A OVEST SULLA RIVIERA DELLA VERSILIA E IL MARE.
DALLA FOCE DEL FRATE SI SEGUE IL CRINALE SU FALSO PIANO SUL CAI 143 E IN BREVE SI ARRIVA AL PASSO DEGLI UNCINI.
ANZICHE' PROSEGUIRE SUL CAI 143 SI SCENDE DAL PASSO IN DIREZIONE MARE SU TERRENO ABBASTANZA RIPIDO E SMOSSO FINO A TROVARE SULLA NOSTRA SINISTRA IL SENTIERO CAI 32 (BOLLI ROSSI) CHE GIRA IN LEGGERA DISCESA IL VERSANTE OVEST DEL MONTE ALTISSIMO. DOPO POCO SI VEDE UNA CHIARA BIFORCAZIONE DOVE IL 32 VA A DESTRA IN DISCESA (E POI PROSEGUIREBBE FINO AD AZZANO DA DOVE PARTE) E A DRITTO.
NOI CI SI MANTIENE IN QUOTA E SI VA A DRITTO FINO A GIUNGERE DOPO QUALCHE MINUTO ALL' ATTACCO DEL TRATTO ATTREZZATO CHE ARRIVA FINO A CAVA TELA.
IL TRATTO ATTREZZATO SERVE PER METTERE SICUREZZA IN QUANTO IN QUESTO PUNTO IL SENTIERO E' PIU' STRETTO E LEGGERMENTE ESPOSTO. SI PUO' USARE L'ATTREZZATURA DA FERRATA PERO' CON TERRENO ASCIUTTO QUESTO TRATTO PUO' ESSERE PERCORSO ANCHE SENZA NULLA ANCHE SE CONSIGLIO ALMENO L'USO DEL CASCO PER LA POSSIBILITA' DI CADUTA DI PIETRE DALL'ALTO VISTO CHE SIAMO SOTTO PARETE.
ARRIVATI A CAVA TELA, ANZICHE PROSEGUIRE SUL CAI 32 CHE IN SALITA CI PORTEREBBE ALLA FOCE DELL'ONDA (CHIAMATA ANCHE FOCE DELL'ORSO) E QUINDI SUL CAI 143 (CHE COMUNQUE RAGGIUNGEREMO DOPO) SI SCEGLIE DI SCENDERE PER LA VIA DI LIZZA DEI COLONNONI CHE COLLEGA CAVA TELA ALLA SOTTOSTANTE CAVA DEI COLONNONI. LA VIA DI LIZZA E' MOLTO BEN CONSERVATA E REGALA TESTIMONIANZE DEL PASSATO MOLTO INTERESSANTI DEL LAVORO DEI CAVATORI TIPO UN PIRO IN MARMO.
ARRIVATI ALLA CAVA DEI COLONNONI MERITA UNA VISITA AL SENTIERO DEI TAVOLONI CHE COLLEGAVA QUESTA CAVA ALLA VICINISSIMA CAVA FITTA E QUINDI AL SENTIERO DELLA TACCA BIANCA. DI QUESTO SENTIERO E' RIMASTO SOLO IL SOLIDO SCHELETRO DI FERRO ANCORATO ALLA PARETE DI MARMO MA NON IL CAMMINAMENTO COSTITUITO APPUNTO DA TAVOLONI SUI QUALI SI SPOSTAVANO IN SICUREZZA I CAVATORI.
SI TORNA INDIETRO E SI RIPRENDE IN DISCESA LA VIA DI LIZZA FINO A GIUNGERE LA SOTTOSTANTE VIA MARMIFERA CHE DI FATTO TAGLIA A META' LA VIA DI LIZZA.
ATTENZIONE ALL'ULTIMO TRATTO PERCHE' PER ARRIVARE ALLA STRADA BISOGNA CALARSI CON UNA CORDA CHE QUALCUNO HA MESSO LI PER CIRCA 3 METRI SENZA DIFFICOLTA'.
SI GIUNGE ALLA CAVA MACCHIETTA, SI PRENDE UNA SCALA VERDE ATTACCATA ALLA PARETE E SI SALE RIPIDAMENTE FINO A GIUNGERE PRIMA ALLA CAVA FITTA CHE HA LETTERALMENTE SVUOTATO NEL TEMPO L'INTERNO DELLA MONTAGNA E POI A QUELLA DELLA TACCA BIANCA FACENDO UN ULTIMA SALITA.
SI GIUNGE A QUESTO PUNTO AL RUDERE DI UNA TELEFERICA....DA QUI INIZIA IL COSIDETTO SENTIERO DELLA TACCA BIANCA CHE COLLEGAVA LA CAVA DELLA TACCA BIANCA AL PASSO DEL VASO TONDO E QUINDI ALLA CAVA DEL FONDONE CHE SI TROVA DALL'ALTRA PARTE, VERSO EST.
ANTICAMENTE IL SENTIERO AVEVA UN CAVO CHE SERVIVA COME SICUREZZA SE COSI VOGLIAMO DIRE MA OGGI SONO RIMASTI SOLO FITTONI SALDAMENTE CONFICCATI ALLA PARETE CHE NON SERVONO PIU' A NULLA.
IL SENTIERO DELLA TACCA BIANCA SI SVOLGE INIZIALMENTE SU FALSO PIANO; SI TRATTA DI UNA CENGIA IN PARTE NATURALE, IN PARTE ARTIFICIALE CHE TAGLIA LA MONTAGNA COME FOSSE UNA CICATRICE ED E' LARGO CIRCA 80 CM.
IL SENTIERO NELLA PRIMA META' E' TANTO FACILE QUANTO PERICOLOSO IN QUANTO A SINISTRA ABBIAMO LA PARETE VERTICALE DELL' ALTISSIMO A DESTRA QUALCHE CENTINAIO DI METRI DI PRECIPIZIO VERTICALE QUINDI: UNA CADUTA CAUSATA DA UN INCIAMPO, UNA DISATTENZIONE, ECC.. SAREBBERO FATALI.
E' FACILE MA OCCORRE PRESTARE ESTREMA ATTENZIONE E TOTALE ASSENZA DI VERTIGINI.
FINITA QUESTA PRIMA PARTE IL SENTIERO INIZIA A SALIRE E CAMBIARE VERSANTE FINO A GIUNGERE AD UNA PRATERIA CHE SALE RIPIDA SU SENTIERO A ZIG ZAG BEN MARCATO...C'E' SEMPRE ESPOSIZIONE MA RISPETTO A PRIMA DA MOLTO MENO FASTIDIO.
SI ARRIVA AL PASSO DEL VASO TONDO CHE SAREBBE SULLA CRESTA SUD - EST DELL'ALTISSIMO E SI PRENDE IL SENTIERO CAI 143 IN DIREZIONE DELL'EVIDENTE SOMMITA' DELL' ALTISSIMO GIUNGENDO ALLA FOCE DELL'ONDA DOVE ARRIVA ANCHE LA VIA DEL TUBO DALLA SOTTOSTANTE CAVA TELA E SI PROSEGUE PER POI ARRIVARE, SEGUENDO I SEGNI CAI, ALLA VETTA DEL MONTE ALTISSIMO.
ANZICHE' SCENDERE DAL SENTIERO CAI IN DIREZIONE PASSO DEGLI UNCINI SI DECIDE DI SCENDERE IL PIU' POSSIBILE A FILO DI CRESTA RIENTRANDO SOLO PER BREVISSIMI TRATTI SUI PUNTI DEL CAI 143 CHE DIFATTO PASSANO SULLA CRESTA.
LA DISCESA FATTA IN QUESTO MODO E' SICURAMENTE PIU' BELLA E MENO NOIOSA DEL SEGUIRE FEDELMENTE IL CAI 143.
SI ARRIVA AL PASSO DEGLI UNCINI E ANZICHE' PROSEGUIRE IN DIREZIONE FOCE DEL FRATE DA DOVE SIAMO ARRIVATI ALL'ANDATA SI VA A DESTRA IN DIREZIONE "LE GOBBIE" SUL CAI 33 CHE IN BREVE CI RIPORTA AL PUNTO DI PARTENZA FACENDO UN ULTIMA FOTO SU QUESTO TRATTO ALL'INTERESSANTE BUCA DEGLI ANCINI PROFONDA 60 METRI.
ITINERARIO DA FARE CON TEMPO STABILE E TERRENO ASCIUTTO DALLA DURATA DI CIRCA 7 ORE ADATTA A ESCURSIONISTI ESPERTI E CHE NON SOFFRONO DI VERTIGINI.
IN ALTERNATIVA, SE NON VE LA SENTITE DI FARE IL SENTIERO DELLA TACCA BIANCA POTETE, UNA VOLTA ARRIVATI ALLA CAVA TELA, PRENDERE A SINISTRA IN SALITA L'EVIDENTE SENTIERO CAI 32 CHIAMATO ANCHE "VIA DEL TUBO" (PER LA PRESENZA DI UN TUBO DI FERRO PER IL TRASPORTO DELL'ACQUA CHE SERVIVA ALLE CAVE) CHE PORTA ALLA FOCE DELL'ONDA E QUINDI SUL CAI 143 IN MODO DA TAGLIARE IL PERCORSO EVITANDO IL PUNTO CHIAVE DELL'ESCURSIONE SENZA PERDERE NIENT'ALTRO .

Kommentare

    Du kannst oder diesen Trail