Fahrzeit  3 Stunden 51 Minuten

Zeit  8 Stunden 21 Minuten

Koordinaten 2436

Hochgeladen 31. Mai 2019

Aufgezeichnet Mai 2019

-
-
1.588 m
979 m
0
3,6
7,1
14,24 km

angezeigt 93 Mal, heruntergeladen 0 Mal

bei Valmoresca, Lombardia (Italia)

L’escursione è facile. Non sono presenti punti pericolosi, basta solo avere un po’ di fiato.

Il percorso si avvia da un’altitudine di poco inferiore ai 1000 metri. Si parte dalla chiesina dedicata a San Rocco, santo a cui le popolazioni locali si rivolgevano per proteggersi dalla peste. Alla destra della chiesina il percorso comincia a salire dolcemente perdendosi in un fitto sottobosco. Sebbene io abbia fatto l’escursione a fine primavera, le foglie cadute durante l’autunno e l’inverno, i ricci di castagne semi aperti e le pigne degli abeti coprono interamente il sentiero tanto da renderlo difficilmente visibile in alcuni tratti.
Se fa caldo, il bosco di faggi e abeti offre un buon riparo e l’acqua dei torrenti Valmora e Val Serrada rinfrescano l’ambiente in modo piacevole.
Dopo circa 20 minuti il sentiero si dirama: seguite quello verso destra (la traccia gps è sbagliata. Qui io ho preso verso sinistra e poi ho girovagato un bel po’ prima di correggermi. Anche la durata della passeggiata, quindi, va ridotta almeno di un’ora e mezza). Pochi passi e il sentiero si biforca ancora. Questa volta prendete quello a sinistra, il n. 110 CAI. Si sale, ogni tanto qualche piccolo strappo, ma in genere l'ascesa non è molto faticosa. Si ha persino tempo di dedicarsi ai propri pensieri, che durante questa mia escursione sono stati quasi interamente rivolti al mio compagno di montagna: Geremia. Persona speciale, di animo elevato e sentimenti puri, come i luoghi in cui ama perdersi. Poetico e sognatore. La sua compagnia si sposa bene con il fruscìo delle foglie, con lo sciabordio dell’acqua che quando è meno impetuosa quasi si confonde col vento. Con i rumori del bosco a cui bisogna sempre prestare orecchio. In questi giorni angustiato da piccoli fraintendimenti con le persone a lui più care: i figli. Una vera tenaglia al cuore. Per oggi era in programma una passeggiata in sua compagnia, poi non siamo riusciti a far coincidere la nostra disponibilità, ma lui era qui con me!
Il sentiero sale offrendo squarci di vedute su alcune piccole cascatelle. Fermarsi ad ascoltarle, ad assaporarne la frescura che sprigionano, a fare la foto giusta resa quasi impossibile da condizioni di luce assai complicata: è questo il vero gusto delle mie escursioni.
Quasi d’improvviso il sentiero sbuca su un pianoro. Un cartello avvisa di essere giunti sulla Via Mercatorum, la più importante tra le antiche strade della Valle Brembana, collegamento tra la città di Bergamo con le comunità dei Grigioni e con il centro Europa.
Nelle vicinanze la segnaletica di montagna ci ricorda che siamo a 1.500 metri, nel comune di Averara in prossimità della diga dell’Alta Mora da cui si forma il lago Valmora. Seguite le indicazioni del sentiero 110 che vi porteranno proprio sotto il muro di sbarramento. Per proseguire verso il Passo San Marco è necessario attraversare per una cinquantina di metri un tunnel ricavato proprio alla base del muro di sbarramento. Impressionante se si pensa alle tonnellate d’acqua sopra la propria testa in quel momento.
Usciti dal tunnel pochi passi ancora e, arrivati a quota 1.588, siete liberi di trovarvi un posto lungo la riva erbosa del lago per godervi le ore di relax prima della discesa o decidere di proseguire per il Passo San Marco che dista a circa un’ora di distanza.
Waypoint

Partenza

Wasserfall

Foto

Straßenkreuzung

Arrivo lago Valmora

Foto

Lago Valmora

Straßenkreuzung

Via Mercatorum (110 CAI), località Ponte dell’acqua - Comune di Averara

Kommentare

    Du kannst oder diesen Trail